Ieri sera ho partecipato a un meeting sulla maratona, sono intervenuti personaggi di una certa caratura professionale: cardiologi , allenatori , mental coach, nutrizionisti…ma quello che più mi interessava era l’intervento dell’organizzatore il dott. DiFilippo ,titolare del centro FisioAnalysis , con cui ho avuto già la possibilità di scambiare quattro chiacchere per telefono. Devo dire che sentire da una persona preparata come lui concetti che sostengo da tempo, sulla corsa , la scelta della calzatura , sull’appoggio del piede …mi fa capire che forse sono sulla strada giusta quando cerco di trasmetterli ai miei clienti a cui suggerisco una scarpa. In pratica la differenza viene fatta dal nostro modo di correre. Statisticamente chi corre in modo efficiente ha un rischio più basso d’ infortuni notevole. Un altro fattore che biomeccanicamente può influire è correre sempre con lo stesso tipo di scarpe. Cambiare drop, livello di ammortizzazione permette di cambiare la nostra corsa e ne possiamo trarre solo benefici. Presso il mio negozio , previo appuntamento , eseguo test e valutazioni più approfondite dello stile di corsa. Perchè la scelta della calzatura non sia mai casuale.